Marc sta sviluppando un ecosistema sostenibile

Seguite le nostre avventure ricevendo ogni settimana la nostra newsletter; iscrivetevi cliccando qui e inserendo il vostro nome e la vostra e-mail.

Marc, 46 anni, è un bambino del villaggio di Bovera, che ha imparato a potare gli ulivi e i mandorli fin da piccolo da suo nonno, Serafin. Da adolescente, tuttavia, decise di imparare i mestieri di elettricista e di tecnico della refrigerazione. Quando nel 1996 è stato realizzato il nuovo sistema di irrigazione nel villaggio, suo padre ha sviluppato nuove tecniche di produzione intensiva e la necessità di manodopera è aumentata. Marc decise di tornare dal padre per sostenerlo nei suoi sviluppi agricoli. I 50 ettari sono lavorati in modo convenzionale. Un evento significativo avrebbe trasformato il suo modo di pensare l'agricoltura.

Hostia come innesco del cambiamento

Circa dieci anni fa, Marc ha sviluppato una malattia molto grave che ha vissuto come un elettroshock. Di fronte alla morte, cambia radicalmente la sua filosofia di vita e il suo approccio alle culture. Marc stabilisce un legame tra il suo consumo di prodotti industriali e la sua cattiva salute. Decide quindi di rivedere il suo approccio. Come sostenere la vita? Invece di curare la malattia e i sintomi della malattia (i suoi e quelli degli alberi), cercherà di rafforzare la salute del suo corpo, della sua mente ma anche la salute dei suoi campi e dei suoi alberi. Come rafforzare la salute? Come lavorare meno e vivere meglio? Come diventare autonomi e indipendenti nella cura della propria salute e dei propri raccolti?

Le parole e i consigli di suo nonno, Serafin, gli tornano in mente, con un significato nuovo, molto moderno e di buon senso. La biodinamica e l'osservazione saranno gli altri due strumenti e guide principali. Ha seguito una formazione pluriennale in biodinamica. Continua a imparare e a utilizzare tutti i tipi di tecniche, compresa la geobiologia. Per quanto riguarda l'osservazione, l'ha sviluppata molto con il nonno e l'ha affinata da quando la natura è diventata il suo miglior partner di lavoro. Nel suo appartamento è appesa questa foto che ritrae suo nonno insieme ad altri studenti del villaggio.

Piante e animali: i suoi nuovi compagni di lavoro

Aratura profonda, glifosato, pesticidi, diserbanti. Marc osserva che queste tecniche consentono una produzione rapida e di grandi dimensioni nel breve periodo. A lungo termine, tuttavia, egli osserva che questi prodotti (come il cibo industriale, in una certa misura) uccidono e rendono le persone dipendenti da terzi (i venditori di fattori produttivi). Se la sua malattia è la migliore illustrazione della sua nuova convinzione, egli ci fornisce un esempio agrario molto concreto:

Accanto al suo campo, da diversi anni si coltivano mandorli in modo convenzionale. Ogni anno vengono effettuate cinque o sei arature. Non vengono aggiunti bestiame, glifosati e pesticidi (per sopprimere tutte le altre forme di vita, essendo l'erba considerata un concorrente dell'albero). Rimasero in vita solo alcuni microrganismi... che, non trovando altro di cui nutrirsi, rosicchiarono le radici degli alberi. Sul lato destro della foto, possiamo notare che molti alberi sono scomparsi. Gli ultimi mandorli (a sinistra e sullo sfondo), molto indeboliti da questo trattamento d'urto, non producono quasi più. Il campo deve essere completamente ripiantato.

Marc considera le piante e gli animali come alleati per la sua salute e i suoi alberi. Lavoreranno con e per lui. Alcuni esempi:

Gli afidi sono i pericolosi invasori. Marc scrofa il fieno greco(Trigonella foenum-graecum). Questa grande pianta medicinale ha un odore che gli afidi odiano. Questo è probabilmente il motivo per cui gli antichi Egizi utilizzavano questa pianta per l'imbalsamazione. Il fieno greco, appartenente alla famiglia delle fabacee e ricco di azoto, è un ottimo sovescio e un ottimo foraggio! Il fieno greco può essere riseminato molto facilmente!

La falsa rucola (Diplotaxis erucoides) e la senape nera (Brassica negra) sono piante abbondanti nei campi di olivi e sono ottimi indicatori della presenza di afidi. Quando Marc osserva degli ammassi di afidi su una pianta di rucola o di senape, fa un mucchio di rami di ulivo che attirano gli afidi (e li tengono lontani dagli alberi). Quando gli afidi si schiudono, Marc dà semplicemente fuoco al mucchio di rami. In questo modo si risparmia l'uso di pesticidi!

L'olivarda(Inula viscosa) è di grande utilità per gli olivi. Le sue lunghe radici possono cercare l'acqua in profondità e l'albero può innestarsi su di essa per trarne beneficio. C'è una bella simbiosi tra queste due piante. Ma soprattutto ospita e rilascia i parassiti della mosca dell'olivo. Marc accoglie questi aiutanti a braccia aperte, mentre i produttori convenzionali sopprimono questa pianta e aggiungono pesticidi....Foto prese in prestito da altri... è inverno.

Marc e Merce coltivano le loro verdure in un orto. Un esempio è la "dioscorea batatachiamata anche "radice di luce" da Rudolph Steiner. È una batata originaria della Cina, il cui tubero può essere consumato crudo o cotto. È una pianta ricca di vitamine B e C e di minerali, che la rendono un vero e proprio alimento salutare. Le foglie e le radici hanno virtù riconosciute dalla farmacopea cinese. Questa pianta cresce molto facilmente alle nostre latitudini e potrebbe facilmente sostituire le nostre patate. In allegato una foto presa in prestito da: https://entresemillas.com/ Qui è ancora inverno.

L'assenzio cinese, Artemisia annua, ben noto per le sue proprietà antimalariche, ha avuto il vento in poppa negli ultimi anni con la comparsa di COVID! È presente nel giardino di Marc e Merce.

Marc ha una grande conoscenza delle piante della sua regione, ma anche dei loro ruoli e proprietà. A sinistra, il suo libro di riferimento che ci ha consigliato (3 volumi). In francese! Lo consigliamo!

Per aiutarlo nella sua lotta contro gli insetti divoratori di olive, Marc ha installato numerose cassette di nidificazione, di tutte le dimensioni, in tutti i suoi campi. Un uccello mangia più del proprio peso in insetti al giorno.

Allevamento di api mobili... Il vento permette agli ulivi e ai mandorli di fecondarsi da soli. Ma le api restano gli alleati privilegiati. Marc realizza queste casette per le api con le canne. In primavera, può spostarle nei suoi campi per incoraggiare la creazione di nuove colonie. Ha intenzione di reinstallare le arnie nelle cavità create nei muri dai suoi antenati (vedi la nostra scheda: tradizioni).

Rafforzare il terreno

Marc è passato dall'agricoltura convenzionale a quella biologica. Il suo terreno deve essere fortificato, curato e rimineralizzato, poiché i glifosati e altri pesticidi lo hanno indebolito notevolmente. Ha sviluppato molte tecniche. Si ispira in gran parte agli scritti e alla formazione di Jairo Restrepo Rivera, ingegnere agricolo nato in Colombia. Il sito https://www.lamierdadevaca.com è una fonte preziosa di informazioni e ricette che Marc consulta molto spesso.

Marc ha convertito 50 ettari di terreno praticamente morto e insostenibile in campi vivi e produttivi. I costi finanziari sono diminuiti e la qualità dei prodotti è migliorata. Marc lavora da solo nei suoi campi, ma collabora attivamente con altri produttori. Watts up e Internet gli permettono di essere connesso con gli altri e di continuare la sua ricerca agronomica.

Marc ha ancora molti progetti in mente. Orgoglioso della sua regione, desidera continuare a promuoverla e a farla vivere.

Lascia una risposta

Il vostro indirizzo e-mail non sarà pubblicato.